È importante controllare il livello di colesterolo nel sangue periodicamente, perché alti livelli possono aumentare il rischio di patologie cardiovascolari. Il Dott. Arrigo F. G. Cicero ci spiega quando è necessario controllare il livello di colesterolo.


Controllare il livello di colesterolo totale, ed eventualmente la sua frazione cattiva e quella buona, ad un certo punto della vita è quasi un imperativo.
Un imperativo perché noi sappiamo che comunque i livelli di colesterolo nel sangue condizionano fortemente il nostro rischio di ammalarci di malattie cardiovascolari e l’invecchiamento dei nostri vasi. Ma chi dovrebbe controllare la propria colesterolemia? Fondamentalmente dopo i cinquant’anni tutte le persone dovrebbero farlo, ma la soglia di età può anche ridursi – e ridursi di molto – soprattutto in persone che sanno di avere in famiglia altre persone con il colesterolo alto, oppure in persone consapevoli di avere uno stile di vita non salutistico, persone sedentarie o fortemente sovrappeso, fumatori, ma anche persone che in riscontri occasionali, ad esempio valutazioni estemporanee in farmacia, abbiano riscontrato valori alterati che vale la pena di ricontrollare con esami adeguati condotti da sangue di vena periferica.
Questo è estremamente importante, anche perché così il soggetto, oltre a ad avere un’idea più precisa di quale sia il proprio livello di rischio di malattia cardiovascolare, può avere anche una sorta di valutazione indiretta di quanto il proprio stile di vita sia adeguato alla sua condizione e alla sua fascia di età, e di quanto eventuali integratori o altri alimenti funzionali, arricchiti, e salutistici che sta prendendo per tentare di ridurre la propria colesterolemia, in realtà stiano svolgendo l’effetto desiderato o se invece non facciano altro che aumentare il costo della spesa.