La risposta è che non esistono, dei sintomi specifici, il colesterolo alto è un disturbo che interessa il 38% della popolazione italiana, ma alti livelli di colesterolo non danno sintomi e molte persone non sanno di averli.  Un semplice esame del sangue è l’unico modo per monitorare i valori di colesterolo e prevenire – anche con i nutraceutici giusti – i rischi cardiovascolari associati.

Il colesterolo alto (oltre i 240 mg/dl) è molto pericoloso per la salute del cuore e delle arterie. E’ infatti il principale fattore di rischio dell’aterosclerosi, una condizione in cui il cosiddetto “colesterolo cattivo” o colesterolo LDL in eccesso si accumula sulle pareti dei vasi sanguigni e crea dei restringimenti (placca aterosclerotica) che possono ostacolare o addirittura bloccare il flusso di sangue nei vasi causando infarto, ictus o angina.

Le LDL (Low Density Lipoprotein) sono particelle che trasportano trigliceridi ma soprattutto colesterolo dal sangue fino ai tessuti. Entro i limiti sono molto utili per l’organismo, in quanto distribuiscono colesterolo alle cellule che ne hanno bisogno per il loro buon funzionamento, mentre diventano pericolosi quando superano i valori consentiti (oltre i 240 mg/dl).

Ma non tutto il colesterolo è nocivo, per una buona salute cardiovascolare è importante che i valori del cosiddetto “colesterolo buono” o colesterolo HDL siano alti (50 – 59 mg/dL). Questo perché le HDL (High Density Lipoprotein), funzionano da “spazzini” del colesterolo, lo prelevano dai tessuti e lo portano al fegato dove viene eliminato evitando così che si possa accumulare nei vasi.

L’ipercolesterolemia (colesterolo totale alto) è purtroppo asintomatica, pertanto senza un adeguato controllo dei valori dei lipidi nel sangue si rischia un progressivo aggravamento fino alla formazione della placca e delle sue temibili complicanze cardiache.

Come accorgersi del colesterolo alto prima che si aggravi?

In assenza di sintomi la prevenzione è senza dubbio la migliore arma. A questo proposito le Linee Guida Europee (ESC-EAS) sono molto chiare. Secondo le recenti raccomandazioni gli uomini dopo i 40 anni e le donne dopo i 50 dovrebbero effettuare un esame del sangue per verificare i livelli di colesterolo e trigliceridi. Mentre l’esame va addirittura anticipato per chi presenta altri fattori di rischio quali ipertensione, diabete, obesità, dislipidemie familiari.

aterosclerosi cosa-succede-alle-arterie
Nelle Linee Guida, inoltre, si sostiene e ufficializza l’utilizzo dei “nutraceutici”, ovvero di principi attivi naturali, per il controllo del colesterolo alto, in associazione ai farmaci o isolatamente in casi specifici. In questa direzione, per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue è oggi disponibile un innovativo integratore alimentare, che sfrutta l’azione sinergica di tre composti vegetali: fitosteroli, riso rosso fermentato e idrossitirosolo. Questa “triade naturale” agisce efficacemente sul colesterolo alto con una triplice azione:
  • fitosteroli: molto simili per struttura al colesterolo, “ingannano” l’intestino che li assorbe al suo posto, riducendo così il colesterolo assunto con la dieta (colesterolo esogeno);
  • riso rosso fermentato: contiene monacolina K che blocca la sintesi di colesterolo a livello del fegato, riducendo così il colesterolo prodotto dall’organismo stesso (colesterolo endogeno);
  • idrossitirosolo: blocca l’ossidazione del colesterolo cattivo e previene il danno alle pareti dei vasi.
 

Bibliografia
  • Katan MB, Grundy SM, Jones P, Law M, Miettinen T, Paoletti R; Stresa Workshop Participants. Mayo Clin Proc. 2003 Aug; 78(8):965-78.
  • Li Y, Jiang L, Jia Z, Xin W, Yang S, Yang Q, Wang L. PLoS One. 2014 Jun 4;9(6):e98611.
  • Lu Z, Kou W, Du B, Wu Y, Zhao S, Brusco OA, Morgan JM, Capuzzi DM; Chinese Coronary Secondary Prevention Study Group, Li S. Am J Cardiol. 2008 Jun 15;101(12):1689-93.
 

Ultimo aggiornamento 23/03/2016